• insalata di pasta limone e zucchine
    aperitivo,  estate,  light,  primi piatti,  vegetariano

    Insalata di pasta alle zucchine & limone

    Visto che il caldo è finalmente arrivato un po’ ovunque, oggi lasciamo da parte i miei amati dolci e parliamo di una bella insalata di pasta, semplice da preparare ma al tempo stesso molto particolare: leggera, aromatica, con un profumo freschissimo che ti invoglia a mangiarne sempre una forchettata in più. Una ricetta perfetta per il buffet dell’aperitivo ma anche per quelle cene estive tra amici in cui ognuno porta qualcosa.
    La freschezza delle zucchine e del limone –  e nelle sere più calde potete aggiungere anche qualche foglia di menta – rendono questa pasta davvero originale, mentre le olive e il formaggio danno una bella botta di sapore e quel tocco mediterraneo che io cerco sempre nei miei piatti estivi. 
    In realtà la ricetta non è mia, ma di un amico che me l’ha fatta assaggiare per la prima volta ad un aperitivo nel suo bellissimo agriturismo: se vi capita di passare per la Toscana durante le vostre vacanze estive potete andare a trovarlo qui e gustare la versione originale in una splendida cornice, magari accompagnata da un bel calice di bollicine 😉

  • minestra lenticchie speziata
    highlights,  light,  piatto unico,  primi piatti,  vegetariano,  zuppe

    Minestra di lenticchie speziata

    Oggi ci rimettiamo un pochino in riga… del resto, nonostante il freddo polare della scorsa settimana potesse far sembrare il contrario, siamo già a marzo e la prova costume si avvicina a grandi passi! Quindi lasciamo un attimo da parte dolci, glasse e creme e parliamo di un piatto unico sano, leggero e pieno di spezie che fanno bene alla salute.
    Questa minestra a casa mia è stata un must dell’inverno appena trascorso, è nata per caso una sera in cui non avevo le idee molto chiare su cosa portare in tavola: da un lato si faceva sentire il bisogno di una sorta di zuppa calda e confortante, dall’altro mi era tornato in mente il ragù di lenticchie adocchiato in vari blog negli scorsi mesi, in cui i legumi prendono il posto del macinato di carne per condire la pasta. Quello che vedete nelle foto è il risultato: non una vera zuppa, ma nemmeno una pasta asciutta: una minestra speziata, sostanziosa e leggermente piccante arricchita dal sapore classico e ricco della pasta all’uovo.
    Le spezie, si sa, sono preziose per la salute, così come le proteine vegetali che cerco di inserire in modo sempre più vario nella mia dieta. Inoltre c’è da dire che i legumi saziano molto e quindi questa minestra sarà un piatto unico perfetto, pur contenendo appena 25 grammi di pasta per persona. Io ho utilizzato una pasta lunga spezzettata con le mani – chi non ha in dispensa un nido di tagliatelle avanzato in cerca d’autore?! – ma andranno benissimo anche quadrucci, maccheroncini oppure tubetti di pasta di grano duro per una versione vegana del piatto.

  • ravioli agli agretti
    frutta secca,  pasta fresca,  pasta ripiena,  primi piatti,  vegetariano

    Ravioli agli agretti con burro e nocciole

    E’ passato diverso tempo dall’ultimo post, devo ammettere che l’arrivo della bella stagione mi ha catapultata in un periodo di pigrizia estrema e totale assenza di ispirazione soprattutto riguardo alle foto da scattare per il blog… non che abbia smesso di cucinare, anzi. Semplicemente avevo il bisogno di ritirarmi nella mia cucina, prendermi del tempo per testare nuovi ingredienti e restare un po’ off-line. In particolare la scorsa settimana, dopo qualche giornata dall’umore non proprio brillantissimo, sono andata al supermercato e ho deciso che avrei fatto una bella spesa creativa ispirata alla primavera: non mi sono portata nessuna lista da seguire, ho solo riempito il carrello con i prodotti che mi ispiravano di più sul momento. Quindi: diversi tipi di farine biologiche con cui mi sono ripromessa di preparare dei panini, tantissime verdure di stagione che non devono mai mancare a tavola, qualche ingrediente etnico, come la famigerata thaina che volevo provare da una vita – ebbene sì, ho preparato l’hummus per la prima volta ed è stato amore a prima vista. Come avrete intuito, tra le verdure finite nel carrello c’erano anche gli agretti. Confesso che non li avevo mai assaggiati prima, ma dopo averli visti in molte ricette pubblicate su vari blog e aver scoperto quanto siano benefici per la salute – sono ricchi di fibre, vitamine e sali minerali – non potevo non portarmeli a casa. Li ho sperimentati in vari modi: prima semplicemente sbollentati e conditi per assaggiarne il sapore al naturale, poi come farcia per i fagottini di crepes (che alcuni di voi avranno visto su instagram) e infine mescolati alla ricotta nel ripieno di questi ravioli. Come condimento ho scelto semplicemente burro fuso, una spolverata di formaggio e la nota croccante e golosa delle nocciole tostate, in modo da non coprire il sapore delicato e fresco della ricotta e delle erbette. Altra new entry nella mia cucina è lo stampo che vedete in foto che devo dire è un ottimo alleato per preparare velocemente i ravioli, basterà infarinarlo bene prima di utilizzarlo, premere forte sulle zigrinature con il mattarello e vi farà risparmiare tempo e fatica.
    A questo punto vi lascio alla ricetta… considerate che con queste dosi otterrete una quarantina di ravioli, quindi quattro porzioni da servire come primo piatto.

  • Tagliatelle al kamut con piselli e datterini colorati
    light,  pasta fresca,  primavera,  primi piatti,  vegetariano,  verdure

    Tagliatelle al kamut con piselli freschi e datterini colorati

     

    Finalmente, dopo anni di pigrizia sfacciata, sono entrata nel mondo della pasta fresca… e il bello è che adesso che ci ho preso gusto non lo lascerei più!
    Non c’è miglior modo di godermi la domenica mattina che fare colazione con calma, preparare la pasta e poi uscire per una bella camminata lasciandola sul banco della cucina a riposare un po’. Al rientro bastano un tuffo nell’acqua bollente e un po’ di verdure di stagione come condimento per portare in tavola qualcosa di davvero speciale, che sappia di casa, di festa, della lentezza di cui si può godere un solo giorno a settimana.
    Se con la pasta ripiena, come vi dicevo in questo post, occorrono tempo e pazienza, preparare le tagliatelle è invece veloce e facile. Potete personalizzarle con diversi tipi di farina o variare lo spessore a seconda del condimento con cui le abbinerete, creando piatti delicati o rustici a seconda dell’ispirazione del momento.
    In questo caso ho tirato la sfoglia finemente e preparato un sughetto molto fresco e leggero con piselli e datterini colorati. Ho cotto brevemente le verdure per lasciare intatta la loro dolcezza e ne è uscito un piattino davvero delicato e pieno di profumi.

  • Ravioli agli asparagi con pesce spada pinoli e uvetta
    pasta fresca,  pasta ripiena,  pesce,  primi piatti,  ricotta

    Ravioli agli asparagi con pesce spada, pinoli e uvetta

    La pasta ripiena fatta in casa, si sa, fa subito festa. Richiede tempo, cura e dedizione e non è una di quelle cose che si possono preparare tutti i giorni, perciò ravioli e tortelli stavano in cima alla mia lista dei desideri da tempo. 
    Complici la primavera che è finalmente arrivata, gli asparagi che sono tornati a fare la loro comparsa sui banchi di fruttivendoli e supermercati e una domenica mattina libera da impegni, sono finalmente riuscita a mettere le mani in pasta e preparare un raviolo fatto su misura per me.
    E’ vero, servono calma, pazienza e un po’ di tempo in più di quello richiesto da un comune primo piatto, ma volete mettere la soddisfazione?
    Per i miei ravioli ho scelto un ripieno delicato a base di ricotta e asparagi; per accompagnarli ho preparato un condimento veloce: burro fuso, carpaccio di pesce spada e il binomio uvetta/pinoli che da tempo volevo sperimentare nella mia cucina. Neanche a dirlo, questa accoppiata è davvero infallibile, abbinata al pesce dà un tono molto mediterraneo alla ricetta e la rende ancora più golosa. La dolcezza dell’uvetta smorza il sapore deciso del pesce e crea un piacevole contrasto con la nota affumicata… provare per credere!

  • Tagliatelle integrali al pesto di rucola
    integrale,  pasta fresca,  primi piatti,  vegetariano

    Tagliatelle integrali al pesto di rucola

    Non so voi ma io ho tanta, tanta voglia di primavera. Di basilico, di verde, di profumi che si sposino bene con l’allungarsi delle giornate, di qualcosa che sia sano e fresco ma allo stesso tempo anche un po’ rustico e sostanzioso per tenermi su e combattere la fiacca tipica del cambio di stagione.

    Quindi: tagliatelle tirate a mano non troppo sottili – stavolta non ho nemmeno tirato fuori la macchietta per spianare… finché si tratta di un paio di porzioni tirare la sfoglia a mano è decisamente preferibile, aiuta a scaricare lo stress e lascia tra le dita un adorabile profumino di pasta fresca.
    Passo successivo: scegliere un condimento che non coprisse troppo il sapore della pasta. Quindi vegetariano. E cremoso al punto giusto per aggrapparsi bene alla sfoglia ruvida. Mi è tornato alla mente un pesto che preparavo spessissimo un paio di estati fa. Ed ecco cosa è uscito fuori!

    Ingredienti:
    Per la pasta:*
    100 gr farina 00
    100 gr farina integrale
    1 pizzico di sale
    1 goccio d’olio
    2 uova fresche

    Per il pesto:
    1 mazzetto di rucola
    3 mazzetti di basilico
    olio evo qb.
    1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
    2/3 cucchiai di pecorino grattugiato
    pochissimo aglio
    (circa 1/4 di spicchio privato del germe interno)
    una manciata di pinoli
    sale

    * dosi abbondanti per 2 persone

    pesto di rucola e basilico

     

    Procedimento:
    Per la pasta comporre la classica fontana con le farine, rompere le uova al centro, sbatterle un po’ con la forchetta, unire olio e sale e impastare a mano fino a formare un panetto liscio.
    Io poi ho diviso in due parti uguali e spianato aiutandomi con un po’ di farina, ho arrotolato la sfoglia, l’ho tagliata al coltello e poi ho steso le tagliatelle, le ho coperte con un canovaccio e le ho fatte riposare fino alla  mattina dopo. All’ora di colazione le ho arrotolate su se stesse facendo dei piccoli ‘nidi’… e all’ora di pranzo le ho buttate nell’acqua bollente!
    Per il pesto penso le spiegazioni siano superflue: io riunisco nel bicchiere del mixer ad immersione tutti gli ingredienti e frullo aggiungendo l’olio finché la salsa non si lega e diventa cremosa.
    Certo, il vero pesto si farebbe in un altro modo (pestando, appunto) ma nella vita di tutti i giorni bisogna un po’ semplificare. 

    tagliatelle integrali con pesto di rucola
 

Per la cottura della pasta, ovviamente, dovrete regolarvi in base a quanto sottile avete tirato la sfoglia. Stavolta avevo fatto delle tagliatelle proprio belle rustiche (avendo deciso per un impasto integrale ho preferito una pasta un po’ più spessa, poco lavorata) perciò le ho cotte per 5/6 minuti.
Non sarà una ricetta sontuosa da presentare in tavola per Pasqua, ma tornerà sicuramente utile per il periodo detox dopo le abbuffate che ci aspettano in questo weekend.

PS: qui, nel frattempo, siamo alle prese con la pastiera! E’il primo anno che la faccio… perciò incrociate le dita per me! Io intanto mi godo il profumino di fiori d’arancio e la compagnia del grano cotto che borbotta sul fuoco 😉

 
 

Privacy Policy Settings