• mousse al pistacchio e cioccolato fondente)
    cioccolato,  dessert,  frutta secca

    Mousse al pistacchio senza latticini

    Questi bicchierini sono perfetti per tutti quelli che non possono (o non vogliono) mangiare latticini. Sono nati per caso, un giorno in cui volevo preparare un dessert per un’amica che sta seguendo una dieta priva di latte e derivati: volevo qualcosa al bicchiere, di fresco e cremoso… qualcosa che non facesse rimpiangere la mancanza della panna o del latte vaccino. 

    Quindi ho rielaborato una vecchia ricetta di bavarese al pistacchio sostituendo il latte con la bevanda di soia; per la panna ho semi-montato il latte di soia con l’olio di semi ed ecco qua il risultato: bicchierini colorati e dal sapore intenso di pistacchio e cioccolato fondente!

    Per chi non ama il sapore del latte di soia, garantisco che i sapori decisi di pistacchio e cioccolato lo copriranno praticamente del tutto. La consistenza non sarà densa come quella ottenuta con i latticini ma altrettanto piacevole e soprattutto più fresca e leggera al palato. E’ un dessert davvero semplice da realizzare ma al tempo stesso colorato ed elegante e vi farà fare di sicuro un figurone 😉

  • cioccolato,  dessert,  frolla,  frutta,  highlights

    Tartellette al cioccolato e frutti di bosco

    L’abbinamento cioccolato fondente + frutti di bosco è qualcosa che non a tutti piace, diciamo che per il suo carattere deciso solitamente o lo si odia o lo si ama, ma se sapete apprezzare questa accoppiata i dolcini di oggi fanno al caso vostro!

    Si tratta di tartellette di frolla al cacao farcite con una ganache al cioccolato fondente e una bavarese ai frutti di bosco molto fresca e dal gusto intenso: un fine pasto sicuramente diverso dal solito, elegante da presentare e goloso da morire! E oltretutto sembra più complicato di quanto non sia in realtà: oltre alla classica frolla, dovrete preparare la ganache semplicemente versando la panna bollente sul cioccolato tritato e la bavarese mescolando panna semimontata, frutti di bosco frullati e uno sciroppo di acqua e zucchero in cui avrete sciolto della colla di pesce. Più facile a farsi che a dirsi! 😉 

    Non avete gli stampi monoporzione? Potete utilizzare le stesse dosi indicate in ricetta per uno stampo da crostate di 20 cm di diametro. 

  • tartellette al pistacchio
    dessert,  frolla,  frutta secca,  highlights

    Tartellette al pistacchio

    Sebbene io sia una grande amante di torte da forno, crostate o semplici ciambelloni, devo ammettere che la pasticceria mignon ha un fascino tutto particolare, e quel tocco di eleganza in più che la rende perfetta quando si vuole chiudere un pranzo importante o concedersi una colazione extra-lusso.

    Le tartellette di oggi sono composte da una semplice frolla sablè e una sorta di mousseline al pistacchio – dico una sorta perché la mousseline è a base di crema pasticcera e burro, qui invece si parte da un mix di tuorlo, latte e zucchero senza farina, quindi non da una crema pasticcera vera e propria, ma insomma, il concetto è quello: una farcitura burrosa, ricca e avvolgente.

    Per preparare le tartellette  vi servirà una pasta di pistacchio pura al 100% : non una crema spalmabile quindi, ma solo pistacchi ridotti in crema. Ormai si trovano facilmente nei supermercati più forniti oppure on line prodotti preparati senza ingredienti aggiunti, che garantiscono tutto il gusto della frutta secca.

  • torta cioccolato ottolenghi
    cake,  cioccolato,  dal mondo,  dessert,  highlights,  torte

    Torta al cioccolato di Yotam Ottolenghi

    Avete presente quando con una torta è amore a prima vista? Appena ho adocchiato questa torta sul blog Dolci Gusti ho deciso che avrei dovuto rifarla assolutamente! Pazienza se contiene una quantità indecorosa di burro e cioccolato, pazienza se lo strappo alla regola stavolta è proprio bello grosso… una torta che richiede solo una ciotola e una frusta a mano come attrezzatura, che è firmata Ottolenghi e che sul web si è fatta la fama di perfect chocolate cake  a casa mia va provata prima di subito!

    Inoltre mi incuriosiva molto il procedimento: burro, cioccolato, zucchero, uova, caffè e acqua vengono sciolti a bagnomaria, e poi vengono aggiunte le polveri. Questo regala alla torta una consistenza particolarissima, che ricorda un po’ una sacher. A completare una glassa facile facile, e, se proprio volete la perfezione, un ciuffetto di panna fresca servito a parte – o magari, perché no, una pallina di gelato.

    Vi lascio la ricetta, davvero particolare e dal risultato perfetto, e vi ricordo che qui sul blog trovate un altro capolavoro firmato Ottolenghi: la babka al cioccolato e nocciole.

Privacy Policy Settings