• crostata classica marmellata
    colazione,  crostate,  frolla,  highlights

    Crostata classica alla marmellata

    E’ il destino di ogni food blogger: pubblicare una marea di ricette particolari, strane, magari etniche, magari con abbinamenti originali di gusto – esplorare tutte le mille strade della cucina e della pasticceria, insomma –  per poi sentirsi domandare: ma un dolce normale, sul blog, ce l’hai??

    In effetti per quanto possa lasciare perplessi noi appassionati sperimentatori la domanda è più che lecita: le persone hanno bisogno anche di ricette semplici, che accontentino i gusti di tutti e che siano possibilmente collaudate e di sicura riuscita.

    E quindi ecco la risposta, per tutti quelli che me l’hanno chiesto e per chi ha voglia di una crostata semplice, senza ingredienti strani e fatta in maniera super tradizionale con burro, zucchero, uova e farina: io la crostata normale, con la marmellata, la faccio così! 

    Ci è voluto un po’ per trovare la quadra perfetta: la dose di burro giusta per avere una torta golosa ma non pesante, adatta ad essere mangiata tutti i giorni; scegliere di mettere solo i tuorli e non gli albumi – la pasta sarà un po’ meno elastica ma ne guadagnerete in sapore e friabilità; decidere di utilizzare burro a temperatura ambiente e non freddo, per riuscire a ottenere una pasta ben lavorabile. Per la forma, poi, mi sono affidata all’apposito stampo – potete vedere come si usa sul mio profilo instagram 😉 

  • biscotti natale con glassa all'acqua
    biscotti,  frolla,  natale

    Biscotti alla cannella con glassa all’acqua

    Continuiamo ad arricchire la lista dei biscotti da regalare – ma anche da sgranocchiare per merenda, colazione, con il caffè del dopo cena ecc… 😉

    La ricetta è ispirata ai Linzercookies che ho preparato qualche anno fa: gli ingredienti sono praticamente gli stessi (farina, mandorle, uova, burro, zucchero, cannella) ma ho cambiato un po’ le proporzioni e il metodo di lavorazione della frolla in modo da ottenere dei biscotti più consistenti, che tengano meglio la forma e che non si deformino troppo in cottura.
    Inoltre, anzichè farciti con la confettura, questi frollini sono ricoperti con una glassa all’acqua facilissima da fare che vi consentirà di sbizzarrirvi con i decori e gli accostamenti di colori che più vi piacciono!

    Per prepararla vi basterà mescolare lo zucchero a velo con l’acqua calda nelle giuste proporzioni. Da anni mi riprometto di provare anche la glassa con l’albume ma poi è più forte di me, quella all’acqua vince sempre, sia per praticità sia perchè mi piace preparare i biscotti in grande quantità e poi conservarli per diversi giorni, e utilizzando l’albume non mi sentirei altrettanto sicura.
    Magari l’anno prossimo cambierò idea, chissà… già quest’anno ho fatto una deroga ai miei rigidi principi e ho utilizzato il colorante. Solitamente non amo usare questo tipo di ingrediente ma ho fatto un’eccezione perchè i biscottini bianchi e rossi mi fanno proprio entrare nell’atmosfera natalizia e avevo voglia di sfornarne un bel vassoio… e alla fine sono talmente carini che sono felice di aver fatto uno strappo alla regola!

    Per altre idee su come decorare i vostri frollini, vi ricordo i biscotti di vetro, le renne e i frollini natalizi

  • crostata con crema di nocciole e cioccolato
    colazione,  crostate,  dessert,  frolla,  frutta secca,  highlights

    Crostata con crema di nocciole & cioccolato

    Questa crostata nella sua semplicità è davvero irresistibile, si è conquistata un posto sul podio della mia personale classifica dei dolci preferiti fin dal primo morso! Una frolla al burro classica, farcita abbondantemente con la crema spalmabile fatta in casa di cui vi parlavo in questo post: niente di più facile, eppure il gusto è davvero favoloso e la consistenza rimane perfetta giorno dopo giorno, con il ripieno che resta morbido e la pasta fragrante.
    Per la frolla stavolta ho usato il metodo classico e non il sablè. Mentre per i biscotti solitamente parto sbriciolando il burro freddo fatto a dadini con le polveri e poi aggiungo l’uovo alla fine, per le basi delle torte preferisco partire lavorando il burro con le uova e lo zucchero, unendo la farina in ultimo. In questo modo riesco a lavorare meglio l’impasto e a creare dei decori più carini esteticamente – anche se in questo caso, lo ammetto, le strisce perfette che vedete non le ho fatte a mano ma servendomi di un attrezzino molto furbo, che trovate qui. 🙂

  • torta della nonna
    dessert,  frolla,  highlights,  piatti della tradizione,  torte

    Torta della nonna

    La torta della nonna è un classico della pasticceria italiana, e su questo non si discute.
    Però, ad  essere sincera, io non sono mai stata una sua grande fan. O meglio, non sono (o dovrei dire ero?) mai riuscita a sfornarne una che mi soddisfacesse del tutto. Sembra una ricetta banale, ma in realtà non è affatto facile azzeccare la giusta cottura della frolla, il perfetto grado di dolcezza, ottenere quel buon profumo di pinoli tostati e vaniglia…. io poi ho una fissazione per i dolci in cui si sente troppo la presenza dell’uovo, proprio come dice sempre mia nonna se una torta ‘sa di uova’ già dall’odore allora non voglio nemmeno assaggiarla. E si sa, nella torta della nonna di uova, specialmente di tuorli, ce ne sono un bel po’.

Privacy Policy Settings