*

Ravioli agli asparagi con pesce spada pinoli e uvetta
pasta fresca,  pasta ripiena,  pesce,  primi piatti,  ricotta

Ravioli agli asparagi con pesce spada, pinoli e uvetta

La pasta ripiena fatta in casa, si sa, fa subito festa. Richiede tempo, cura e dedizione e non è una di quelle cose che si possono preparare tutti i giorni, perciò ravioli e tortelli stavano in cima alla mia lista dei desideri da tempo. 
Complici la primavera che è finalmente arrivata, gli asparagi che sono tornati a fare la loro comparsa sui banchi di fruttivendoli e supermercati e una domenica mattina libera da impegni, sono finalmente riuscita a mettere le mani in pasta e preparare un raviolo fatto su misura per me.

E’ vero, servono calma, pazienza e un po’ di tempo in più di quello richiesto da un comune primo piatto, ma volete mettere la soddisfazione?
Per i miei ravioli ho scelto un ripieno delicato a base di ricotta e asparagi; per accompagnarli ho preparato un condimento veloce: burro fuso, carpaccio di pesce spada e il binomio uvetta/pinoli che da tempo volevo sperimentare nella mia cucina. Neanche a dirlo, questa accoppiata è davvero infallibile, abbinata al pesce dà un tono molto mediterraneo alla ricetta e la rende ancora più golosa. La dolcezza dell’uvetta smorza il sapore deciso del pesce e crea un piacevole contrasto con la nota affumicata… provare per credere!

ravioli di ricotta e asparagi con pesce spada, pinoli e uvetta

Ingredienti:
(per quattro persone)

per la pasta:
200 gr farina di grano duro
Molino Chiavazza
2 uova grandi
1 pizzico di sale

per il ripieno:
250 gr di ricotta vaccina
80 gr di punte di asparagi
2 cucchiai di pecorino grattugiato
2 cucchiai di olio evo
sale e pepe

per il condimento:
40 gr di burro
100 gr di carpaccio di
  pesce spada affumicato
una manciata di pinoli
una manciata di uvetta

 

 

La sera precedente alla preparazione dei ravioli mettete la ricotta a scolare: lasciatela riposare tutta la notte in frigo per farle perdere il siero in eccesso.

La mattina dopo preparate la pasta: disponete la farina a fontana, aggiungete le uova e un pizzico di sale e impastate fino ad ottenere un panetto sodo e omogeneo; lasciate riposare coprendo con un panno per dieci-quindici minuti.

 

ravioli di ricotta e asparagi

 

Nel frattempo tritate in piccoli pezzi le punte di asparago e fatele appassire in padella con due cucchiai di olio e altrettanta acqua; quando saranno morbide schiacciatele con una forchetta, lasciatele intiepidire e poi unitele alla ricotta; aggiungete anche i due cucchiai di pecorino, salate e pepate.
Prelevate un po’ di pasta alla volta e spianatela con l’apposita macchinetta finché sarà sottile ma ancora di uno spessore in grado di avvolgere bene il ripieno senza che i ravioli si rompano; io ho usato la sfogliatrice accessoria alla planetaria e mi sono fermata al quinto livello, su una scala da uno a otto.

 

A mano a mano che stendete una striscia di pasta, disponetela su un piano infarinato e metteteci sopra delle piccole quantità di ripieno, distanziate tra loro; sigillate bene la pasta intorno al ripieno premendo con la punta delle dita e con l’apposito attrezzo dentellato o con una rotella ritagliate i ravioli.
Mettete i ravioli in un vassoio cosparso di farina, e lasciateli asciugare un po’ prima di passare alla cottura: io ho aspettato un’oretta o  poco più.

 
 
ravioli di ricotta e asparagi con pesce spada, pinoli e uvetta
 

Per il condimento mettete in ammollo l’uvetta, fate tostare i pinoli in una padella antiaderente e fate fondere il burro.
Tagliate a striscioline il carpaccio di pesce spada; tenete presente che quest’ultimo è di per sé molto sapido quindi non dovrete aggiungere altro sale.
Tuffate i ravioli in acqua bollente salata e fateli cuocere per due/tre minuti; scolateli delicatamente e conditeli con il burro fuso, i pinoli, l’uvetta ben strizzata e le striscioline di spada che si cuoceranno appena grazie al calore della pasta.
Servite subito e godetevi il piatto della festa 🙂

 

ravioli di ricotta e asparagi con pesce spada, pinoli e uvetta

Facebook Comments

43 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Settings