*

Orzotto zucchine e percorino
cereali,  piatto unico,  vegetariano,  verdure

Orzotto zucchine & pecorino

L’orzo è uno dei cereali che amo di più: sazia tantissimo, non scuoce mai, ha una bella consistenza ed è estremamente versatile: lo si può utilizzare nelle minestre, nelle insalate oppure per preparare l’orzotto con le verdure di stagione.
Come dice il nome, l’orzotto è parente stretto del risotto: il procedimento è lo stesso, cambiano solo la materia prima e il tempo di cottura, che è leggermente più lungo: otterrete un piatto un po’ meno cremoso del risotto tradizionale, ma più rustico e saporito. 
Tra tutte le varianti che ho sperimentato questa resta la mia preferita: un po’ di cipolla rossa, zucchine e cubetti e per finire qualche dadino di pecorino semi stagionato che si scioglierà leggermente, ma non completamente, durante la mantecatura.

orzotto zucchine e pecorino

Ingredienti
(piatto unico per due persone)

140 gr di orzo
cipolla rossa q.b.
5/6 zucchine chiare
60 gr pecorino semistagionato
olio evo
sale

per il brodo vegetale:
1 carota
1 costa di sedano
1 cipolla rossa

Preparate il brodo vegetale facendo bollire carota, sedano e cipolla (se andate di fretta potete sostituire il brodo vegetale con semplice acqua bollente salata, ovviamente se avete il tempo di preparare il brodo il piatto sarà più saporito).
“>In una pentola antiaderente fate appassire la cipolla rossa tritata finemente in un fondo di olio evo, poi aggiungete l’orzo e fatelo tostare per un paio di minuti.
Aggiungete il brodo vegetale a poco a poco, mescolando di tanto in tanto, e portate avanti la cottura per 10′, poi aggiungete le zucchine tagliate a cubetti e proseguite la cottura per altri 20′ (controllate in ogni caso il tempo di cottura indicato sulla confezione dell’orzo).
Una volta cotto, regolate di sale, aggiungete i dadini di formaggio e mantecate velocemente fuori dal fuoco per far sì che il pecorino diventi morbido ma non si sciolga del tutto.Servite subito.

 
orzotto zucchine e pecorino
 

 

 

Facebook Comments

24 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Settings